sabato 31 marzo 2012

Disastro in Val Rosandra

Sono sempre stato innamorato della Val Rosandra, un solco vallivo, un canyon che incide l'altopiano carsico affacciandosi sul mare a pochi chilometri da Trieste. Un territorio unico tanto che è considerato Riserva Comunale e Regionale e Sito di Importanza Comunitaria.

Mi piaceva tanto che le ho dedicato il mio primo sito web...


Ed è con grande tristezza che in questi giorni l'ho vista ferita e deturpata proprio da chi dovrebbe averne cura.

La Protezione Civile, in base al programma "Alvei puliti" ha tagliato drasticamente e senza alcuna remora alberi e cespugli che da sempre facevano cornice al torrente che scorre in fondo alla Valle trasformandola in una specie di cantiere autostradale. Il tutto in nome della sicurezza a fronte di eventuali piene.


Ma chiunque viva in zona e conosca questo torrente sa benissimo che le sue "piene" sono ben poca cosa e l'opera di distruzione perpetrata è assolutamente spropositata.

Per maggiori informazioni vi invito a leggere questo articolo ed a guardare questo filmato.

Sembra inoltre che una seconda tranche di "lavori" sia prevista fra un paio di settimane. Che non ci provino proprio: la prima volta ci hanno preso di sorpresa ma questa volta siamo tanti triestini ad essere incazzati...

Aggiornamento 31/03: Sul Piccolo di oggi l'assessore regionale all'ambiente replica alle critiche in maniera arrogante senza ammettere che i lavori sono stati fatti da schifo ma rimarcando che erano necessari per prevenire danni da esondazioni. Fa finta però di non capire che i lavori fatti anni fa dove il torrente passa vicino a delle case erano utili e necessari mentre il disboscamento selvaggio fatto a monte è assolutamente inutile ed ha danneggiato un piccolo angolo di paradiso per chissà quanto tempo. 

Aggiornamento 02/04: Grande successo della manifestazione popolare di ieri in Valle ed una bella intervista a Mauro Corona. Speriamo che le firme raccolte ed il clamore suscitato servano a bloccare gli ulteriori lavori previsti
.

10 commenti:

  1. L'Italia è piena di questi genii,..Per me è una palla: non si modifica così drasticamente il territorio!

    RispondiElimina
  2. Quella Protezione di civile non ha proprio niente...Senza entrare a parlare di competenza.
    Sono luoghi bellissimi, deturpati da chissà cosa.
    Dove invece sarebbero necessari interventi, non si fa vivo nessuno.
    Ciao Giulio,
    Lara

    RispondiElimina
  3. potresti chiedere aiuto ai NOTAV :-D
    è una battuta ovviamente, capisco il tuo disappunto...è quello di cui ti parlavo nell'altro messaggio...le decisioni calate dall'alto...

    ciao
    acar

    RispondiElimina
  4. non esistono più gli artigiani di una volta, figuriamoci poi i taglialegna.
    Lascia perdere, tra due o tre anni sarà tutto ricoperto, le piante amano l'acqua

    RispondiElimina
  5. Chissà che lobby ci sono sotto... sono d'accordo con quello che dice Fracatz.. tra 3/4 anni tutto sarà ricoperto.. Però intanto il danno creato non è da poco, e per cosa poi, mah.. valli a capire te sti geni di questi dipartimenti..

    RispondiElimina
  6. Le foto sono davvero impressionanti...

    RispondiElimina
  7. Il più bel commento l'ho letto oggi in una intervista a Mauro Corona: "Questi politici non li puoi nemmeno mandar a zappare i campi: farebbero danni pure lì!" E purtroppo è vero... Incompetenza allo stato puro!

    RispondiElimina
  8. Ma la forestale è d'accordo?

    RispondiElimina
  9. @Alberto: guarda, la Forestale è stata patetica: hanno detto che non hanno potuto controllare i lavori perchè la zona era transennata e sorvegliata dai Carabinieri... Una scusa più assurda non la potevano proprio trovare!

    RispondiElimina

Causa spam eccessivo al momento non è più possibile commentare come anonimo.