giovedì 11 settembre 2014

Masochismo europeo

L'Europa, spinta soprattutto dagli USA, continua ad aumentare la sanzioni nei riguardi della Russia per la questione ucraina.


Sanzioni che però non danneggiano minimamente il gigante sovietico il quale può contare su risorse, produzione e consumi interni e scambi con altri giganti quali la Cina.

Al contrario la stessa cosa non può dirsi per la piccola e fragile Europa. 

Rinunciare ad una bella fetta di esportazioni di prodotti finiti verso la Russia sta già creando problemi a molte aziende. Ma è soprattutto il lato importazione materie prime a risultare preoccupante.

Solo per quanto riguarda il gas, dipendiamo per il 35% dalle importazioni russe. Putin negli scorsi mesi ha stipulato contratti trentennali con la Cina e quindi non avrebbe alcun problema a chiudere i rubinetti verso l'Europa visto che non ci rimetterebbe nemmeno un rublo.

A questo punto mi chiedo perchè i nostri governanti vogliono continuare con questa politica estera non solo inefficace ma anzi totalmente dannosa nei nostri stessi confronti. Stiamo solo facendo il gioco degli americani ai quali fa comodo una Europa in crisi ed una Russia alle prese con quanti più avversari possibile...
.

8 commenti:

  1. A parte il fatto che della situazione ucraina noi non sappiamo nulla, a meno di non dare ai media una autorevolezza che secondo me non possiedono, l'Europa fa come dicono gli Americani semplicemente perché è in posizione subordinata agli USA dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Plain and simple.

    RispondiElimina
  2. La cosa impensierisce davvero. Speriamo si risolva presto.

    Buon venerdì!

    RispondiElimina
  3. Temo che i nostri governanti europei abbiamo la sindrome del bravo scolaretto, cioè quello che dice sempre " Sì, signora maestra!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando essere un bravo scolaro è un sindrome?

      Elimina
  4. siamo praticamente invasi da anni e non ce ne siamo nemmeno accorti...

    RispondiElimina
  5. Quella del gas è una bella spada che abbiamo sulla testa. Basterebbe una piccola riduzione e siamo in crisi.

    RispondiElimina
  6. certo che nolos sappiamo poco e nulla di queste situazioni.
    Ad esempio io pensavo che l'ucraina fosse più piccola, anche per la presenza del diminutivo
    -ina-
    Ma chi è che stabilì che invece dovesse da esse accussì grossa?
    Questo me piacerebbe sapere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La persona che ha disegnato i confini delle nazioni dall'est della Germania fino al pacifico è stato Stalin. I successori hanno apportato dei cambiamenti minimi.

      Elimina

Causa spam eccessivo al momento non è più possibile commentare come anonimo.