giovedì 11 ottobre 2012

Il bambino conteso

Non ne posso più del populismo e della superficialità con cui giornali ed istituzioni (e di seguito la massa dei soliti pecoroni) trattano situazioni di forte impatto emotivo.

Sul Corriere la notizia del bambino di dieci anni conteso dai genitori e portato via recalcitrante dalla polizia davanti alla sua scuola. 

Ovviamente viene criminalizzata la polizia con addirittura Schifani a chiedere provvedimenti contro i poliziotti che erano intervenuti.

Perchè non ci si chiede invece come possano dei genitori giungere al punto da essere tanto egoisti da non ascoltare i desideri del loro figlio (che a 10 anni ha già una testa per pensare e scegliere)?

Perchè non ci si chiede come possa un giudice ordinare l'azione così drastica come togliere con la forza un figlio ad uno dei genitori (contro la volontà del figlio stesso)?

Perchè non ci si chiede perchè si sia arrivati al punto che l'ordinanza fosse eseguita dalla polizia e non da soggetti più idonei a trattare un caso così delicato?

Prendersela con i poliziotti che avevano l'ordine di portar via il ragazzino significa non aver capito un cazzo della tragedia di quella famiglia o, peggio, di non volerla capire...

Aggiornamento 13.10.2012: e comunque prima di scagliarsi contro la polizia in base ad un video girato dalla zia sarebbe meglio sentire anche l'altra campana...
.

29 commenti:

  1. Caro Giulio ti quoto su tutta la linea!
    Purtroppo il populismo, soprattutto in questi casi, rischia di fare più danni del fatto stesso. Occorre conoscere, capire e non affidare pensieri ed esternazioni a quanto detto da poche righe di un'agenzia stampa, ben sapendo che (tra l'altro) non é sempre oro colato quel che raccontano.
    Di sicuro bisogna capire cosa, come e perchè é successo con molta attenzione e, questa l'unica cosa certa, far si che non si ripeta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto, cose così non dovrebbero mai ripetersi! Ma non solo il prelievo forzoso di un ragazzo per ordine di un giudice ma soprattutto che la vita di tanti ragazzi di genitori separati venga fatta a pezzi perchè quei genitori non sanno anteporre l'amore per il figlio al loro stupido orgoglio ed egoismo. Storie che non vengono come questa alla ribalta ma si consumano fra tribunali, cause ed avvocati...

      Elimina
  2. Certo, ma volete mettere che effetto sul pubblico? Quanti click sulla pagina dell'articolo, quanti spettatori al servizio sul TG?
    Che importanza volete che abbia la verità? Voglio dire: quando mai l'ha avuta? Cosa ci fa pensare che potesse averla adesso?

    RispondiElimina
  3. Hai ragione: è una brutta, faziosa abitudine quella di mettere in evidenza di un accaduto, solo quella parte che puo' essere in qualche modo strumentalizzata dai media. Uno piu' stronzo dell'altro gli adulti,dai genitori al giudice...pero' secondo me ci sono anche in giro poliziotti cui non manca il buon senso e l'intelligenza che gli avrebbe dato modo di portare via il ragazzino con le sue gambe..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quello che ho letto e visto della vicenda (compreso il comportamento dei parenti) i poliziotti per evitare questo triste epilogo avrebbero solo potuto lasciar perdere e non adempiere al mandato del giudice...

      Elimina
  4. sono gli effetti di 70 anni di legislazione fatta da avvocati in nome del favoloso bobbolo tajano
    neanche puoi immaginare quanto magna un avvocato su un disastro familiare, prima sulla separazione, poi su tre anni di beghe e litigi ed infine sul divorzio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quello è un grosso business... che poi venga fuori una generazione di disadattati e traumatizzati quello non frega a nessuno. L'importante è che i genitori si scannino per bene...

      Elimina
  5. Di avvocati non ho esperienza e non posso intervenire, ma penso che i genitori non siano pupazzi: si scannano se si vogliono scannare. Se il genitore ha buonsenso, si separa dal coniuge senza far venire su il figlio disadattato.
    Se il genitore non ha questo buonsenso, forse ci sono discrete probabilità che gli manchi anche in altri frangenti e sono portata a pensare che, allora, l'azione del magistrato, dell'avvocato o della polizia, sia solo la punta dell'iceberg, e che l'equilibrio del figlio fosse stato messo in pericolo da un pezzo.
    Detto ciò, già è difficile farsi un'idea delle cose quando le si conosce, figuriamoci quando si sanno per sentito dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente non si può parlare di questa storia se non per quel pochissimo che si è visto. Anche conoscendo tutti i retroscena probabilmente sarebbe difficile stabilire torti e ragioni. Però a prescindere da tutto mai un figlio dovrebbe subire simili stress e violenze solo perchè i genitori non vanno più daccordo.
      Quanto al discorso degli avvocati ti assicuro che conosco persone che si stavano separando in maniera soft ed i loro avvocati spingevano per una maggiore litigiosità. Veri sciacalli :-(

      Elimina
  6. Purtroppo rimane il fatto che hanno avuto più importanza le righe scritte da un giudice che le grida di un bambino disperato che chiedeva aiuto. Rimane disumana la scusa che quello era un'ordine di un giudice, quando in italia ci si tiene a fare i democratici contro i maltrattamenti, e a parlare male degli stati che maltrattano i bambini. Però quei poveri poliziotti dovevano eseguire un'ordine, e quindi non c'entrano, bisogna chiedere a se stessi cosa si farebbe davanti un bambino che strilla e chiede aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'intera vicenda gestita malissimo...

      Elimina
    2. Sono concorde che tutta la vicenda è stata gestita male da tutte le parti in causa,genitori,giudici e malissimo dai cosidetti tutori dell'ordine a cui auguro tutto il bene del mondo ai loro figli.

      Elimina
  7. Sono vicende delicate, non bisogna cercare di semplificare troppo per diventar superficiali.

    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero... Però è proprio la stampa e poi il popolo del web a semplificare troppo limitandosi ad attaccare i poliziotti come se fosse tutto e solo colpa loro

      Elimina
  8. concordo con te. tra l'altro pare ci fossero anche le assistenti sociali oltre al padre. ora mi chiedo: le assistenti sociali sempre attente a tutto hanno fatto questo casino? inoltre pare che il filmato riporti la parte finale del filmato: tutto questo sembra sia nato dai parenti della madre che abbiano creato problemi da subito. non voglio dire che sia stata servita una realtà distorta attraverso un filmino ma è vero che non riporta tutto. inoltre bisogna vedere anche quanto il bambino sia stato plagiato. a volte on si immagina neanche che opera distruttiva possano attuare sui figli i coniugi divisi. ergo, vorrei più info vere e non il solito giornalettismo.
    schifani fa infine onore al suo nome, ultimamente fa tanto l'uomo di stato. dovrebbe vergognarsi: uno nella sua posizione dovrebbe ascoltare tutta la storia a cominciare dal magistrato incaricato non sparare sentenze come la casalinga dal verduraio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anch'io ho avuto la chiara impressione che abbiamo visto solo quello che hanno voluto farci vedere...

      Elimina
  9. Beh, una cosa è chiara: in una struttura protetta dovrebbero finirci i genitori...

    RispondiElimina
  10. Sono completamente d'accordo con te. E' sconvolgente pensare come questi genitori siano stati completamente irresponsabili. Vedendo le immagini il mio unico pensiero era: come può crescere un bambino che viene trattato in questo modo dalle due persone che, teoricamente e indipendentemente da come possa essere finita la loro relazione, dovrebbero proteggerlo e tutelarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi vediamo ascoltiamo anche la versione della polizia qualche altro dubbio sulla sanità mentale dei genitori ci viene...

      Elimina
  11. Siamo un popolo di pecoroni e ultimamente anche del condividere a tutti i costi. Prendere le parti per partito preso di una o dell'altra parte non mi piace. Bisogna conoscere i fatti e da come ce li spiegano i Tg e i giornali... stendiamo un velo penoso.
    Ciao Giulio, lieta domenica.
    Robetra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Internet alle volte amplia pure i nostri difetti... Buona domenica anche a te :-)

      Elimina
  12. qui sono tutti colpevoli, i genitori che sono arrivati a questo punto, gli agenti intervenuti che non hanno avuto il buon senso non dico di non eseguire il mandato ma di provare a usare maniere diverse, io poi tra i due genitori ho la mia idea personale di chi sia più colpevole, ma la tengo per me perché non conosco la vicenda... e speriamo che questi genitori abbiano almeno il buon senso di non farsi tentare dalle sirene di tivù e giornali scandalistici che già saranno andati a caccia di qualche esclusiva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati: ho già sentito che un paio di sere fa il papà era ospite di una trasmissione e la mamma di un'altra... Sarebbero da rinchiudere loro e tutta quelli che ci speculano sopra :-(

      Elimina
  13. Mi sono anche io chiesto come due genitori possano arrivare fino a quel punto.
    Di una cosa sono convinto, una giustizia applicata senza buon senso, non è mai giustizia, divenata qualche altra cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedo se esista ancora la giustizia in Italia (ma me lo chiedevo anche su questo blog alcuni post fa...)

      Elimina

Causa spam eccessivo al momento non è più possibile commentare come anonimo.